Tuesday, 2 October 2007

Pasto vuoto

A cena col morto,
s'impietosisce il canto.
Remore del conto,
riarmo, seccato, l'orto.

Come cenare da soli
vuote stanze
fievoli emozioni
che morire sul nascere
più non possono.

Ho un cazzo che mi tira
e ventisei anni da buttare nel cesso.

1 comment:

Noemie said...

bellissima...soprattutto la penultima riga...un bacione tesò!